Guide Rock Cuba

Marcello Lorrai

Cuba: un'isola che solo negli  ultimi decenni ha superato i dieci milioni di abitanti, eppure ha  esercitato un'influenza sulla musica del pianeta da fare invidia a paesi  molto più grandi, potenti e popolosi. Bolero, son, latin jazz, mambo, cha  cha cha, trova, salsa: sono tutti stili con radici che affondano in un  antico passato e una modernissima vocazione a innovare. Sulle orme di questa vicenda più unica che rara, il libro conduce attraverso un  universo nel quale la musica è ancora un elemento essenziale del  quotidiano, un ingrediente indispensabile della vita, un collante decisivo  dell'identità collettiva: qualcosa che si ha sempre intorno e si  respira nell'aria.

Tutte le strade della musica cubana portano all'Avana,  ma l'isola offre molto altro: dal son arcaico della lontana Baracoa alle  conghe carnevalesche di Santiago fino alla rumba di Matanzas, molte sono  le storie, i luoghi, i protagonisti, le canzoni. Ogni barrio è un mondo  con la sua fisionomia, le sue tradizioni e le sue glorie. È un mosaico  composto da una miriade di tessere: Compay Segundo ma anche il meno noto  Ernesto Lecuona; locali celebri come il Tropicana e la Bodeguita senza  scordare la Sala Benny Moré di Radio Progreso; Guantanamera ma anche Qué  viva Changó, canzone ugualmente importante ma meno famosa. Un po'  enciclopedia e un po' guida turistica, questo è un libro da mettere in  tasca partendo per la più grande isola dei Caraibi: per orientarsi, anche  in senso letterale, nella sua musica e scoprire centinaia di locali,  discoteche, case de la trova, centri culturali, teatri, sale di incisione.

E ancora negozi di dischi, librerie, musei e feste di piazza. È anche un  libro da leggere a distanza, per farsi un'idea più ricca di una musica  che è molto di moda ma, al di là di parecchi luoghi comuni, non  altrettanto conosciuta.

Prezzo: € 0,00