Francesco Guccini e Mauro Pagani - "Note di Viaggio – capitolo 2: non vi succederà niente"

Intervista a Francesco Guccini e a Mauro Pagani che ci raccontano com'è nato "Note di Viaggio – capitolo 2: non vi succederà niente", secondo album tributo al Maestrone, dopo il primo uscito l'anno scorso
Venerdì, 16 Ottobre, 2020
 
Dopo il primo capitolo pubblicato poco meno di un anno fa, è uscito in questi giorni Note di Viaggio – capitolo 2: non vi succederà niente, lavoro in cui tanti artisti della musica italiana reinterpretano ancora una volta le canzoni di Francesco Guccini. Questo nuovo capitolo è stato pubblicato lo scorso 9 ottobre per BMG e ha debuttato direttamente al 3° posto della classifica FIMI//Gfk degli album più venduti della settimana, e al 1° posto della classifica vinili.
 
Sebbene il Maestrone si sia ufficialmente ritirato dalle scene da alcuni anni, come per il primo capitolo, ha cantato anche lui un brano per il nuovo album. La canzone si intitola Migranti, e ad accompagnarlo ci sono alcuni suoi collaboratori di lunga data, i Musici, tra cui Juan Carlos “Flaco” Biondini, chitarrista nonché autore della musica, appunto, del nuovo brano.
È nato però prima il testo di Migranti, scritto alcuni anni fa ovviamente da Francesco Guccini, inizialmente su richiesta di Caterina Caselli per Andrea Bocelli, anche se poi lo avrebbe fatto suo solo nel 2018 Enzo Iacchetti per presentarlo al Festival di Sanremo di quell'anno. Il brano non venne però ammesso alla fase finale della manifestazione e quindi l’attore lo avrebbe comunque eseguito soltanto all'interno di un suo spettacolo. Migranti, come si evince dal titolo, racconta il tema dell'immigrazione, tema più che mai attuale.
 
Dopo Manuel Agnelli, Samuele Bersani, Brunori Sas e gli altri che avevano prestato la loro voce per il primo capitolo, stavolta si sono cimentati con i brani di Guccini artisti come Zucchero con una sua versione di Dio è morto, ma anche Vinicio Capossela, Jack Savoretti, Roberto Vecchioni e tanti altri, anche in quest’occasione tutti sotto l’attenta supervisione di Mauro Pagani.
 
Anche la copertina di questo secondo capitolo è stata realizzata da Tvboy. Dopo il successo del murales comparso a sorpresa l’anno scorso a Bologna in via Paolo Fabbri, che era anche la cover del primo album, un altro luogo gucciniano è stato scelto dallo street artist per una sua opera e per creare di conseguenza la copertina di questo secondo capitolo. E quindi a Pavana, città natale del Maestrone, si può vedere questo nuovo murales, chiaramente ispirato al Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo, con gli artisti protagonisti dell’album ritratti come i lavoratori dell’opera oggi esposta al Museo del Novecento di Milano.
 
Infine, ci sarebbe la possibilità di realizzare un terzo capitolo che si aggiungerebbe ai due inizialmente previsti, ma sembra sia più concreta un'altra tappa di questa celebrazione del Maestrone e delle sue canzoni, e cioè un concerto nel 2021 all'Arena di Verona con gli artisti che hanno preso parte ai due capitoli di Note di Viaggio.
 

Jam Balaya

L'inno "paranoico" dei Black Sabbath
Giugno del 1970: negli Island Studios di Notting Hill quattri ragazzi di Birmingham stanno completando il loro secondo album...
Learning To Fly - Non è difficile imparare a volare, la cosa più complicata è ritornare a terra...
Primavera del 1991: è una serata tranquilla per Tom Petty, ma a un certo punto, guardando la tv...
Space Oddity
Il primo brano di successo di David Bowie
Indigo Girls e... Galileo Galilei
L'esistenzialismo e il genio di Galileo Galilei cantato dalle Indigo Girls nella loro "Galileo"
Carey
Joni Mitchell e il suo viaggio a Creta
Somebody To Love
L'inno dell'Estate dell'Amore
Come Together
John Lennon di nuovo negli studi di Abbey Road per dare vita ad uno dei brani più famosi dei Beatles
Gimme Shelter - La ricerca di un rifugio (in tutti i sensi) per i Rolling Stones
Inverno del 1968: a Londra si sta scatenando un’autentica bufera...
Losing My Religion, la canzone che decretò il successo internazionale dei R.E.M.
Settembre 1990: ai Bearsville Studios di Woodstock, Peter Buck sta provando e riprovando quel riff sul mandolino attorno al quale, qualche settimana prima, aveva composto un brano
Stones In The Road
Quando Joan Baez decise di interpretare un brano di una giovane cantautrice
Prince e il segno dei tempi
Primavera del 1986: Prince decide che è giunto il momento di denunciare il lato oscuro della società americana e di combatterlo proponendo invece una visione diversa
Both Sides Now - La canzone di Joni Mitchell "nata tra le nuvole"
"Ho posato il libro, guardato dal finestrino e ho visto le nuvole. Poco dopo, mi sono messa a scrivere il testo di una canzone..." (Joni Mitchell)

Pagine