Mellow Yellow - "Banane psichedeliche": da Country Joe and the Fish a Donovan

Un singolare esperimento con le "banane psichedeliche" da parte di Country Joe and the Fish farà esplodere una nuova mania hippie... e ispirerà Donovan per la sua "Mellow Yellow"
Mercoledì, 22 Luglio, 2020
 
Primavera del 1967: Country Joe and the Fish, band di folk-rock psichedelico da Berkeley, California, sta viaggiando su un pulmino Volkswagen alla volta di Vancouver. Il loro album di debutto è appena uscito e il gruppo è molto richiesto. Mentre sono in macchina, Gary Hirsh, detto “chicken”, il pollo, se ne esce con una strana teoria: “Sapete”, dice agli altri elementi del gruppo, “che se sbucciate una banana, ne essiccate la pelle, ne grattate la parte Bianca e la fumate, ottenete effetti assai più soddisfacenti della marijuana?”.
I ragazzi sono stupefatti: la loro dieta povera a base di burro di arachidi e banane sta per avere una svolta importante. Giunti a Vancouver, prima ancora di recarsi in teatro, vanno in un negozio di amici che sul retro ha una grande stufa. Dopo aver acquistato una cassa di banane e averle sbucciate, le mettono a essiccare nei pressi della stufa. Poi vanno a fare le prove in teatro. Qualcuno offre loro dell’acqua "al gusto di Lsd"... eppure i musicisti pensano alle loro banane. Tanto che Barry Melton, “The Fish”, va addirittura a controllarne lo stato di essiccazione alla fine del primo tempo.
Poi, terminato il concerto, si trovano nel negozio dei loro amici, per la tanto attesa fumata…
Tornati a Berkeley, Country Joe si reca a fare rifornimento di banana. Ma prima il suo fruttivendolo, poi il supermarket e infine il grande ipermercato in centro città hanno la scritta “Bananas sold out”. A Joe cade l’occhio su un articolo del San Francisco Chronicles che titola: “Nuova mania hippie: banane psichedeliche”. Nonostante la DEA, dipartimento anti-droghe del Governo Americano, abbia testato la completa inefficacia delle bucce di banana, non si trovano frutti in tutta la Baia per più di un mese. Questa storia influenza Donovan, un giovane folk-singer scozzese che, dall'altra parte dell’Oceano, scrive Mellow Yellow, un pezzo che diventa un inno generazionale.

Jam Balaya

Crosby, Stills, Nash & Young: ci sarà la reunion?
Neil Young, intervistato da Mojo, si è detto disponibile a collaborare nuovamente con Crosby, Stills & Nash
27 gennaio 1967 - 50 anni fa ci lasciava Luigi Tenco
Il 27 gennaio 1967 veniva trovato il corpo senza vita di Luigi Tenco.
Intervista a Laurie Anderson - Heart Of A Dog
Laurie Anderson è venuta in Italia per parlarci di "Heart Of A Dog", suo ultimo progetto cinematografico dedicato alla sua amata cagnetta Lolabelle
Desert Trip - Fine terza ed ultima serata: The Who sanguinari, Roger Waters contro Donald Trump
Si chiude qui anche la terza ed ultima serata della seconda settimana del Desert Trip con gli Who e Roger Waters... e allora è giunto anche il momento per alcune riflessioni finali
Desert Trip (live) - Roger Waters: "Speak To Me/Breathe"
Ultimo concerto del Desert Trip. Sul palco Roger Waters che apre il suo live con l'inizio di "The Dark Side Of The Moon" dei Pink Floyd
Desert Trip (live) - The Who: "I Can't Explain"
Per anni hanno cantato che avrebbero preferito morire piuttosto che diventare vecchi, però avercene di vecchi come loro...
Desert Trip - Fine seconda serata: Neil Young particolarmente in forma, Paul McCartney unico
Recensione della seconda serata della seconda settimana del Desert Trip. Sul palco Neil Young e Paul McCartney
Desert Trip (live) - Paul McCartney
Qualche ripresa live del concerto di Paul McCartney al Desert Trip: tra i vari brani riconoscerete senz'altro "Love Me Do", "Lady Madonna", "FourFiveSeconds" con Rih
Desert Trip (live) - Neil Young: "After The Gold Rush"
L'inizio del concerto di Neil Young al Desert Trip con "After The Gold Rush"
Desert Trip (anteprima) - Neil Young e Paul McCartney
Seconda serata della seconda settimana del Desert Trip: sul palco Neil Young e Paul McCartney
Desert Trip - Il Record Store
Al Desert Trip non manca nemmeno il Record Store: vinili da collezione sia degli artisti ospiti delle tre serate, che in generale di tutta la classica musica della storia del rock
Desert Trip - La "Culinary Experience"
La parte speciale dedicata al cibo al Desert Trip è la cosiddetta "Culinary Experience", ma pare che l'iniziativa non abbia avuto grande successo, forse perché la cenetta è un po'

Pagine