Mercedes Benz - L'ultimo brano registrato da Janis Joplin

1° ottobre 1970: tre giorni prima di lasciarci, Janis Joplin si era messa a canticchiare "Mercedes Benz" durante una pausa in studio di registrazione. Quel brano scherzoso passa alla storia come la sua ultima registrazione ufficiale...
Giovedì, 17 Dicembre, 2020
 
 

 
Los Angeles, 3 ottobre 1970. È l’ultimo giorno di vita di Janis Joplin.
Nel tardo pomeriggio fa un salto in studio, giusto il tempo di ascoltare la base strumentale di Buried Alive In The Blues, "sepolta viva nel blues", canzone dal titolo profetico, scritta appositamente per lei dal suo amico Nick Gravenites. Finita la session, Janis si ferma a scherzare per qualche minuto. Lo faceva spesso, lo aveva fatto anche due giorni prima. In una delle lunghe pause che caratterizzano la registrazione dell'album destinato a chiamarsi Pearl, si era messa a canticchiare una canzoncina composta una sera insieme a Bob Neuwirth.
I due erano stati ispirati dalla strofa di un poemetto del poeta beat Michael McClure che diceva: "Signore, non mi compreresti una Mercedes Benz..."
Il brano è una presa in giro del consumismo. Preceduto da uno specialissimo "happy birthday" per il 30esimo compleanno di John Lennon, viene registrato al volo con la Joplin che, divertita, lo canta davanti ai suoi amici che battono le mani a tempo. Mai Janis avrebbe pensato di inserire quella cosa buffa nel disco: è il primo ottobre e quel brano scherzoso, Mercedes Benz, passa alla storia come la sua ultima registrazione ufficiale.

 

Jam Balaya

Don't Let It Bring You Down - L'invito (più che mai attuale) di Neil Young a non abbattersi
Nei primissimi anni ’70 Neil Young era solito presentare dal vivo una canzone che a lui piaceva molto e che sarebbe poi diventata un suo successo o perlomeno sarebbe stata amatissima dai suoi fan...
Don't Stand So Close To Me
Sting e i suoi "trascorsi" da insegnante in questo famoso brano con i Police
Hallelujah - Il brano di Leonard Cohen che diventa un vero e proprio inno grazie a Jeff Buckley
Sono i primi anni ’90 e Jeff Buckley, figlio del grande Tim Buckley, si sta facendo le ossa come songwriter nei locali newyorkesi...
Fortunate Son - La rabbia di John Fogerty nei confronti di certi "figli privilegiati"
È il 1968 e gli Stati Uniti D’America sono nel bel mezzo della sanguinosissima guerra nelle giungle vietnamite...
Better Days - I giorni migliori di Bruce Springsteen
È la fine del 1991 e per Bruce Springsteen si apre un futuro radioso, specialmente dal punto di vista personale...
The Healer - Il blues che guarisce di John Lee Hooker e Carlos Santana
Nel 1989 la grande leggenda del blues John Lee Hooker viene convinto a fare un album di duetti stellari...
Freedom
Richie Havens e il suo inno alla libertà al Festival di Woodstock
Here Comes The Sun - Per George Harrison è un brutto periodo, ma...
Anche nei giorni più bui e più tempestosi dobbiamo sempre ricordarci che prima o poi il sole tornerà a splendere
I’m Free – Tommy ritrova finalmente la libertà nella rock opera degli Who
Nel maggio del 1969 gli Who pubblicano “Tommy”, la prima più importante rock opera della storia...
Spinning Wheel - "Una ruota che gira"
Nel 1967 David Clayton-Thomas, giovane songwriter canadese appassionato di blues, frequenta la scena musicale di Toronto. Lì ha conosciuto Joni Mitchell...
I Got You (I Feel Good) - James Brown (ri)scrive il suo brano di maggior successo
È il 1965, James Brown è ai vertici della popolarità e allora decide di scrivere un pezzo, riproponendo di fatto un altro suo brano che aveva composto e regalato alla sua corista, ma che non aveva avu
Fragile - La poesia di Sting che solleva gli animi di tutti noi e ci dà ottimismo e speranza
È l’11 settembre del 2001, giorno in cui tutti abbiamo assistito sgomenti alle tragiche immagini provenienti da New York, dalle Torri Gemelle.

Pagine