Trema la terra - Intervista ad Alfio Antico

Com'è nato questo disco, perché lo ha voluto intitolare proprio "Trema la terra" e altro ancora nella nostra intervista ad Alfio Antico. Alfio non è soltanto uno dei più bravi e apprezzati percussionisti italiani, ma è anche un depositario, forse l'ultimo, di un sapere tradizionale, di una cultura pastorale che lui ha vissuto personalmente
Venerdì, 22 Maggio, 2020

 

Trema la terra è il nuovo album di Alfio Antico. Alfio non è soltanto uno dei più bravi e apprezzati percussionisti italiani, ma è anche un depositario, forse l'ultimo, di un sapere tradizionale, di una cultura pastorale che lui ha vissuto personalmente. Alfio Antico è un appassionato cultore delle radici della sua terra, la Sicilia, ma anche un attento ascoltatore di nuovi suoni, che sa mescolare con gli strumenti tradizionali, con il linguaggio della sua terra, cioè il dialetto siciliano, e con sonorità tipiche di un suono antico. L'abbiamo raggiunto, pensate, nella cucina di casa sua e Alfio ci ha raccontato com'è nato questo disco e quindi anche perché lo ha voluto intitolare Trema la terra.
Ecco il nostro servizio:
 

 
Alfio Antico, classe 1956, è nato a Lentini, nell'entroterra siciliano della provincia di Siracusa. Da piccolo, seguendo il padre, ha fatto il pastore e la nonna gli ha insegnato a suonare il tamburello. Lui ha scoperto di avere una vera e propria passione, ma anche inclinazione per lo strumento. Questa dote l'ha portato a lasciare la Sicilia all’età di 18 anni e a cercare fortuna altrove, finché non collaborerà con i più grandi artisti, in primis i fratelli Eugenio ed Edoardo Bennato, poi Lucio Dalla, Fabrizio De André, Renzo Arbore e la sua Orchestra Italiana, ma anche Fiorella Mannoia, Vinicio Capossela e Carmen Consoli.
 
La musica di Alfio Antico è stata anche usata come colonna sonora di film, di balletti, di opere teatrali. Insomma Alfio Antico è davvero un artista a 360 gradi che, come dimostra il suo ultimo album Trema la terra, ha davvero un sapore e un orizzonte ormai internazionale.
 

Jam Balaya

Hold On, I'm Comin'
Quando le belle canzoni nascono in "circostanze particolari"
My Back Pages - Bob Dylan e quella celebre svolta nella sua carriera
Dicembre del 1963: il ventiduenne Bob Dylan viene insignito del Tom Payne Award, un riconoscimento dato a personalità che si sono distinte per senso libertario e impegno nella società civile, ma...
Feelin' Alright? - Dalla versione dei Traffic scritta da Dave Mason a quella di Joe Cocker
Tutto comincia nell'autunno del 1967 quando, alla vigilia della pubblicazione dell’album d’esordio, Dave Mason lascia la band che aveva fondato con Steve Winwood, i Traffic...
"Non avevo mai visto la luna nel buio del cielo notturno"
Nasce così "Moonshadow" di Cat Stevens
"Take It Easy" (come cantavano già gli Eagles e Jackson Browne)
È la primavera del 1971 e Jackson Browne sta preparando il suo album di debutto...
Warren Zevon e "I lupi mannari di Londra"
"Dopo aver visto in televisione un film degli anni ’30, Werewolves Of London (I lupi mannari di Londra), continua a dirgli che avrebbe dovuto scrivere un brano con lo stesso titolo"
Santana - "Soul Sacrifice" chiude il set infuocato di Woodstock
Ad agosto del 1969 sul palco di Woodstock sale un sestetto sconosciuto ai più, ma che a San Francisco rappresentava già un mito...
Il sogno di Elvis
Ottobre 1958: Elvis Presley, nel corso di un’intervista, racconta di non aver avuto mai l’ispirazione giusta per scrivere una canzone tranne quella volta quando, dopo essersi addormentato, ha fatto un
We Will Get By, We Will Survive
È la primavera del 1987 quando su MTV gira un video stravagante di una delle più leggendarie band del rock californiano, i Grateful Dead...
Language Is A Virus – Da William S. Burroughs a Laurie Anderson
L'aveva profetizzato William S.
Fabrizio De André secondo Beppe Gambetta
Il musicista genovese ci ha raccontato il suo primo incontro con Fabrizio De André e tutto il lavoro svolto sull'opera del grande Faber, affinché venga conosciuta e apprezzata anche all'este
Elliott Landy - Intervista ad uno dei fotografi più leggendari della storia del rock
Bob Dylan, The Band, il Festival di Woodstock del quale è stato fotografo ufficiale: sono davvero tanti i ricordi e gli aneddoti di Elliott Landy.

Pagine