Tu sei qui

Rock Art

I grandi ritratti rock di Carlo Montana
03 Gennaio 2013

Per dirvela tutta, non so quanto Janis Joplin, ad esempio, sarebbe orgogliosa del ritratto (alquanto scadente) che le ha fatto la sua vecchia amica Grace Slick. Sono invece sicuro che se Janis vedesse un altro suo ritratto fattole recentemente da un italiano (che non è una rockstar né tanto meno una celebrità) resterebbe di stucco. L'artista in questione (perché di vera arte, in questo caso, si tratta) si chiama Carlo Montana. Viene da un paese della bassa milanese (Zibido San Giacomo) ed è cresciuto ascoltando la musica dei rocker che ama immortalare. «La musica è un'ispirazione costante», ci tiene a sottolineare, «e dà - se così posso dire - il ritmo alla mia pittura. Quando dipingo ho sempre un sottofondo musicale che mi aiuta nella creatività e nella realizzazione delle mie opere». Ho avuto la fortuna di incontrare Carlo Montana circa otto anni fa. E l'ho immediatamente coinvolto in un progetto artistico. Ho capito subito che dietro di lui non c'era soltanto la comune passione per la musica, quanto un vero e proprio spirito rock che veniva trasmesso con forza e energia attraverso i suoi quadri. Visitare la sua casa/studio è una piccola, grande esperienza psicosensoriale. E, se siete appassionati di rock, il tutto diventa un'autentica libidine visiva. Un gigantesco 'murale' nel quale convivono Richards & Jagger con i Beatles o Neil Young con Kurt Cobain vi accoglie infatti appena mettete piede nel cortile, mentre, una volta entrati all'interno, vi troverete circondati da centinaia di ritratti di leggende del rock, da Bob Dylan a Jimi Hendrix (uno dei più amati), da Brian Jones a Otis Redding. Dopo aver studiato all'Accademia di Brera ed essere stato considerato uno degli enfant prodige della nuova pittura italiana, Carlo Montana ha rifiutato un ruolo pubblico. La sua arte visiva (che si esprime, sempre, in modo figurativo e che non ritrae solo le rockstar da lui tanto amate) colpisce al cuore. Drammatica, forte, piena di angoscia, necessita solitudine. Ma, soprattutto, non ha ceduto ai compromessi. Perché, come dice Carlo Montana, «un quadro deve contenere energia vitale». Come le canzoni di Bob Dylan o gli assoli di Jimi Hendrix...
Ezio Guaitamacchi

Se anche voi volete vivere una «piccola, grande esperienza psicosensoriale», contattatelo:

Carlo Umberto Natale Montana

Studio Artistico: Largo Garibaldi 7 – 20080 Zibido San Giacomo (MI)

Email: carlomontana@virgilio.it

Cellulare: 3395081767

www.facebook.com/CarloMontanaIColoriDellaMusica