Tu sei qui

Eagles

History Of The Eagles: The Story Of An American Band
Universal
Un avvincente film documentario ripercorre la storia della band: imperdibile per gli amanti di Glenn Frey e Don Henley
Di Massimiliano Spada
31 Maggio 2013

È stato un volo lungo e turbolento. Ci sono stati indimenticabili momenti di grazia, ma anche vuoti d’aria spaventosi e dinamiche di gruppo a dir poco logoranti. Eppure, dopo quarantadue anni, le Aquile sono ancora in volo e ci “bombardano” con un diluvio di musica e immagini: il box set The Studio Albums 1972-1979 che raccoglie i primi sei album in studio (in bustine di cartone, senza booklet ma a un ottimo prezzo, neanche 30 euro) e soprattutto il monumentale film documentario History Of The Eagles – The Story Of An American Band.

Attraverso una serie di interviste a tutti i membri (presenti e passati), agli artisti che hanno gravitato intorno al gruppo (Bob Seeger, Jackson Browne, J. D. Souther, Linda Ronstadt, Kenny Rogers), ai discografici e al manager di una vita Irving Azoff ripercorriamo l’incredibile ascesa delle Aquile fino allo scioglimento avvenuto nel luglio 1980. È un susseguirsi di storie affascinanti, come quella di Glenn Frey che racconta di aver imparato l’arte del songwriting ascoltando in tempo reale il processo creativo di Jackson Browne, al quale aveva subaffittato il seminterrato del suo appartamento di Los Angeles. Oppure le notti trascorse al Troubadour, l’ingresso di Frey e Henley nella backing band di Linda Ronstadt, o ancora gli sforzi fatti per convincere Glyn Johns a produrre il disco di debutto dei neonati Eagles: «All’inizio non ci trovai niente di interessante e declinai l’offerta», racconta il produttore di Who e Rolling Stones.

Man mano che il racconto procede si infittiscono le trame umane e si complicano le dinamiche di gruppo. Percepiamo l’insopprimibile sete di rock di Glenn Frey, assistiamo all’ingresso di Don Felder nella band e all’insofferenza di Bernie Leadon, culminata in una lattina di birra rovesciata sulla testa di Frey e nella fuoriuscita dal gruppo. Mentre sullo schermo scorrono immagini amatoriali girate dagli stessi membri della band e dal loro staff, ascoltiamo storie di sesso, droga, gioco d’azzardo, storie di contratti discografici sciolti nel corso di battaglie legali senza esclusione di colpi. Strada facendo incontriamo il primo singolo che ha conquistato la vetta delle classifiche (Take It To The Limit) creando non pochi problemi a Randy Meisner dal punto di vista vocale. Veniamo conquistati dal ciclone rock Joe Walsh, divenuto a detta di Frey «il campione americano in distruzione di camere d’albergo» grazie ai consigli degli amici Keith Moon e John Belushi. Riascoltiamo con piacere la genesi di Hotel California, incontriamo il successore di Meisner Timothy B. Schmit e ci addentriamo nel tormentato rapporto di Don Felder con la tirannica coppia Frey-Henley, fino allo scioglimento definito da Henley «un orribile sollievo».

Il secondo dvd invece copre le avventure soliste che hanno preceduto la reunion del 1994, la disintossicazione di Walsh, l’acclamato Hell Freezes Over Tour, l’induzione nella Rock And Roll Hall Of Fame del 1998, l’arrivo del chitarrista Stewart Smith e l’uscita del doppio Long Road Out Of Eden (2007). Insomma, la gloriosa rinascita delle Aquile. L’edizione limitata del cofanetto (disponibile in dvd e Blu-Ray) contiene anche un libro di 40 pagine e un terzo dischetto con performance inedite tratte dai due show tenuti al Capital Center di Washington, D.C. nel marzo 1977 durante l’Hotel California Tour. History Of The Eagles è senza dubbio il filmato definitivo di questa grande band americana.