So

Peter Gabriel

Ci eravamo lasciati con un palco trionfante di orchestrali. Lui, Peter Gabriel, si era immerso completamente nella parte concedendosi l’unica corsa liberatoria di tutta la serata durante Solsbury Hill: era il tempo del New Blood Tour, antitesi completa dell’attuale Back To Front, che vede un ritorno al repertorio più rock, slegato da codici che ammaliano e intrappolano allo stesso tempo. L’esibizione, la prima di due consecutive quasi sold out, assume i toni di un rito liberatorio.

Gabriel, esce "And I'll Scratch Yours"

Image: 

Io gratto la schiena a te e tu la gratti a me. Fuor di metafora: io canto una tua canzone e tu ne canti una mia. Era questo il senso dell'operazione Scratch My Back, l'album del 2010 in cui Peter Gabriel rifaceva canzoni di Talking Heads, Lou Reed, David Bowie, Elbow, Arcade Fire, Randy Newman, Regina Spektor e di altri piccoli e grandi nomi rock. Il 24 settembre vedrà finalmente la luce il seguito di quell'operazione, ovvero il disco in cui quegli stessi artisti rifanno i pezzi di Gabriel (alcuni pezzi erano già stati pubblicati su iTunes).

Peter Gabriel

Immaginate che qualcuno scarichi un blocco di granito nel giardino di casa e vi chieda di cavarci una scultura. Questo è So secondo il produttore Daniel Lanois: una bellissima statua ricavata da una roccia informe. Uno sforzo immane e un lavoro raffinato. Oppure, come afferma Peter Gabriel, un disco fatto «andando dove mi portavano naso e cuore».

Subscribe to So