vdb23

Giovedì, 21 Aprile, 2016
Leonardo Follieri
Intervista a Gianni Maroccolo, Antonio Aiazzi, Andrea Chimenti, Simone Filippi, Beppe Brotto, Alessandra Celletti e Fausto Rossi in occasione della tappa milanese del tour "Nulla è andato perso – da Via de Bardi 32 a vdb23"

Gianni Maroccolo

Image: 
Tra una canzone e l'altra lo storico bassista di Litfiba e CSI scherza col pubblico e racconta com'è nata quest'idea, a partire da Via de Bardi 32, l'indirizzo della storica cantina di Firenze dalla quale ebbe origine la storia dei Litfiba, fino a vdb23, ultimo disco realizzato con Claudio Rocchi.
Parte da qui Nulla è andato perso – da Via de Bardi 32 a vdb23, il tour in cui Gianni Maroccolo è per la prima volta al centro del palco.

Gianni Maroccolo, nulla è andato (e andrà) perso

Image: 
Gianni Maroccolo Claudio Rocchi - vdb23/nulla è andato perso
Lo scorso 8 gennaio Claudio Rocchi avrebbe compiuto 64 anni. Il suo "volo magico" purtroppo sta proseguendo altrove dal 18 giugno 2013, a seguito dell'aggravarsi di una malattia degenerativa, e nessuno avrebbe pensato e soprattutto avrebbe sperato che Vdb 23/Nulla è andato perso sarebbe stato il suo ultimo lavoro. Il disco era stato pubblicato soltanto in edizione limitata alla fine di una fortunatissima campagna di crowdfunding su MusicRaiser, mentre ora esce pure in maniera "tradizionale" su Ala Bianca.

Maroccolo incontra Rocchi... e Battiato

Image: 

vdb23 celebra l'incontro, e prezioso è quello di Maroccolo e Rocchi. I due amici, solo in apparenza provenienti da universi distanti, producono ologrammi sonori psichedelici, elettronica con inserti elettroacustici e parole cantate.

Il progetto non sarà distributo nei negozi né sarà disponibile in digital download. Addirittura nessuna stampa tipografica. Titoli e crediti "timbrati" in piena autarchia del terzo millennio. Di fatto un "multiplo" d'Arte, a tiratura limitata e numerata, altamente personalizzato. Non una copia identica a un'altra.

Subscribe to vdb23