Big Yellow Taxi - Uno dei primi pezzi ecologisti della storia porta la firma di Joni Mitchell

Honolulu, Hawaii, estate del 1969: Joni Mitchell, in visita al Giardino Botanico, ha l'idea per uno dei primi pezzi ecologisti della storia
Martedì, 27 Aprile, 2021
 
Honolulu, Hawaii, estate del 1969
La cantautrice canadese Joni Mitchell è la nuova regina degli hippie, un’artista ispirata, piena di passione e poesia.
Ha scritto, pur non essendoci stata, la canzone che meglio di tutte incarna lo spirito di Woodstock. E ora, mentre sta visitando il Giardino Botanico di Honolulu, ha l’idea per uno dei primi pezzi ecologisti della storia.
“Finirà che asfalteranno il Paradiso e ne faranno un enorme parcheggio...”, canta, “metteranno gli alberi in un museo e faranno pagare un biglietto per vederli...”.
Joni, dalla finestra del suo albergo hawaiano, vede un enorme parcheggio che stona in quel paesaggio paradisiaco. Così, indispettita ma anche desiderosa di lasciare il segno, agisce a modo suo: un po’ Cassandra, un po’ Saffo e molto Georgia O'Keeffe, il suo idolo pittorico, Joni Mitchell con Big Yellow Taxi pennella uno dei suoi inimitabili acquerelli sonori... sottolineando nel ritornello che “ci rendiamo conto del valore delle cose solo quando le stiamo perdendo”...
Tanti anni dopo, queste parole profetiche di Big Yellow Taxi verranno campionate nel brano Got 'Til It's Gone di Janet Jackson.
 
 

 

Jam Balaya

"I Will Survive" canta Gloria Gaynor, diventando così una grande regina della disco music
Nel 1977 alla cantante afroamericana Gloria Gaynor viene proposta una canzone che sembra perfetta per alcune vicissitudini di vita che la stessa artista ha avuto in passato...
Peaceful Easy Feeling - Glenn Frey fa suo il brano di Jack Tempchin per il primo album degli Eagles
È il 1969 e Jack Tempchin ha appena finito il suo concerto in un localino di San Diego, al confine tra la California e il Messico.
Are You Lonesome Tonight? - Elvis di nuovo in studio dopo il servizio militare
Sono gli ultimi giorni di servizio militare per Elvis Presley, ma il suo manager, il famigerato Colonnello Parker, sta premendo da tempo perché torni a incidere, torni quindi a fare nuove canzoni...
I'm Still Standing - Elton John rimane in piedi (negli anni, rispetto alle mode e...)
Nei primissimi anni ’80 la stella di Elton John pare risplendere molto meno, travolta dalla rivoluzione punk, dalla moda dei nuovi romantici e dalle novità musicali che stanno emergendo in quei giorni
Don't Let It Bring You Down - L'invito (più che mai attuale) di Neil Young a non abbattersi
Nei primissimi anni ’70 Neil Young era solito presentare dal vivo una canzone che a lui piaceva molto e che sarebbe poi diventata un suo successo o perlomeno sarebbe stata amatissima dai suoi fan...
Don't Stand So Close To Me
Sting e i suoi "trascorsi" da insegnante in questo famoso brano con i Police
Hallelujah - Il brano di Leonard Cohen che diventa un vero e proprio inno grazie a Jeff Buckley
Sono i primi anni ’90 e Jeff Buckley, figlio del grande Tim Buckley, si sta facendo le ossa come songwriter nei locali newyorkesi...
Fortunate Son - La rabbia di John Fogerty nei confronti di certi "figli privilegiati"
È il 1968 e gli Stati Uniti D’America sono nel bel mezzo della sanguinosissima guerra nelle giungle vietnamite...
Better Days - I giorni migliori di Bruce Springsteen
È la fine del 1991 e per Bruce Springsteen si apre un futuro radioso, specialmente dal punto di vista personale...
The Healer - Il blues che guarisce di John Lee Hooker e Carlos Santana
Nel 1989 la grande leggenda del blues John Lee Hooker viene convinto a fare un album di duetti stellari...
Freedom
Richie Havens e il suo inno alla libertà al Festival di Woodstock
Here Comes The Sun - Per George Harrison è un brutto periodo, ma...
Anche nei giorni più bui e più tempestosi dobbiamo sempre ricordarci che prima o poi il sole tornerà a splendere

Pagine