Blues Hand Me Down - L'energia dei Vintage Trouble

"Blues Hand Me Down" è il brano che apre il loro album di debutto ed è un manifesto della loro musica: è come se James Brown e i Led Zeppelin si fossero magicamente fusi insieme... si fanno chiamare Vintage Trouble
Martedì, 10 Novembre, 2020
 
È la primavera del 2010 e due amici stanno provando a suonare qualcosa tra loro. Si conoscono da tanti anni, ma non sono mai riusciti a creare un progetto musicale insieme. Ty Taylor, il cantante, è un afroamericano cresciuto a pane e gospel, è stato il leader dei Dakota Moon, ha partecipato a un famoso reality in tv e ha fatto il corista per Tina Turner, Eric Clapton, Macy Gray e tanti altri. Nalle Colt, il chitarrista, è un ragazzo di origine svedese con un curriculum meno prestigioso, ma è altrettanto bravo. Quando un terzo vecchio amico, Rick Barrio Dill, si unisce ai due, il progetto sembra di colpo decollare. I tre si rifugiano in uno studio al Laurel Canyon e, di lì a poco, iniziano a esibirsi nei locali della zona, firmano un contratto discografico e si danno un nuovo nome: Vintage Trouble. Bastano un paio di apparizioni televisive per farli diventare un caso di successo.
Blues Hand Me Down, il brano che apre il loro album di debutto, è un manifesto della loro musica: è come se James Brown e i Led Zeppelin si fossero magicamente fusi insieme... formidabili.

 

Jam Balaya

My Back Pages - Bob Dylan e quella celebre svolta nella sua carriera
Dicembre del 1963: il ventiduenne Bob Dylan viene insignito del Tom Payne Award, un riconoscimento dato a personalità che si sono distinte per senso libertario e impegno nella società civile, ma...
Feelin' Alright? - Dalla versione dei Traffic scritta da Dave Mason a quella di Joe Cocker
Tutto comincia nell'autunno del 1967 quando, alla vigilia della pubblicazione dell’album d’esordio, Dave Mason lascia la band che aveva fondato con Steve Winwood, i Traffic...
"Non avevo mai visto la luna nel buio del cielo notturno"
Nasce così "Moonshadow" di Cat Stevens
"Take It Easy" (come cantavano già gli Eagles e Jackson Browne)
È la primavera del 1971 e Jackson Browne sta preparando il suo album di debutto...
Warren Zevon e "I lupi mannari di Londra"
"Dopo aver visto in televisione un film degli anni ’30, Werewolves Of London (I lupi mannari di Londra), continua a dirgli che avrebbe dovuto scrivere un brano con lo stesso titolo"
Santana - "Soul Sacrifice" chiude il set infuocato di Woodstock
Ad agosto del 1969 sul palco di Woodstock sale un sestetto sconosciuto ai più, ma che a San Francisco rappresentava già un mito...
Il sogno di Elvis
Ottobre 1958: Elvis Presley, nel corso di un’intervista, racconta di non aver avuto mai l’ispirazione giusta per scrivere una canzone tranne quella volta quando, dopo essersi addormentato, ha fatto un
We Will Get By, We Will Survive
È la primavera del 1987 quando su MTV gira un video stravagante di una delle più leggendarie band del rock californiano, i Grateful Dead...
Language Is A Virus – Da William S. Burroughs a Laurie Anderson
L'aveva profetizzato William S.
Fabrizio De André secondo Beppe Gambetta
Il musicista genovese ci ha raccontato il suo primo incontro con Fabrizio De André e tutto il lavoro svolto sull'opera del grande Faber, affinché venga conosciuta e apprezzata anche all'este
Elliott Landy - Intervista ad uno dei fotografi più leggendari della storia del rock
Bob Dylan, The Band, il Festival di Woodstock del quale è stato fotografo ufficiale: sono davvero tanti i ricordi e gli aneddoti di Elliott Landy.
Kiefer Sutherland - La recensione del concerto al Fabrique di Milano
Un solo concerto in Italia per l'attore e cantautore canadese Kiefer Sutherland. Ecco com'è andato il suo live al live al Fabrique di Milano

Pagine