Blues Hand Me Down - L'energia dei Vintage Trouble

"Blues Hand Me Down" è il brano che apre il loro album di debutto ed è un manifesto della loro musica: è come se James Brown e i Led Zeppelin si fossero magicamente fusi insieme... si fanno chiamare Vintage Trouble
Martedì, 10 Novembre, 2020
 
È la primavera del 2010 e due amici stanno provando a suonare qualcosa tra loro. Si conoscono da tanti anni, ma non sono mai riusciti a creare un progetto musicale insieme. Ty Taylor, il cantante, è un afroamericano cresciuto a pane e gospel, è stato il leader dei Dakota Moon, ha partecipato a un famoso reality in tv e ha fatto il corista per Tina Turner, Eric Clapton, Macy Gray e tanti altri. Nalle Colt, il chitarrista, è un ragazzo di origine svedese con un curriculum meno prestigioso, ma è altrettanto bravo. Quando un terzo vecchio amico, Rick Barrio Dill, si unisce ai due, il progetto sembra di colpo decollare. I tre si rifugiano in uno studio al Laurel Canyon e, di lì a poco, iniziano a esibirsi nei locali della zona, firmano un contratto discografico e si danno un nuovo nome: Vintage Trouble. Bastano un paio di apparizioni televisive per farli diventare un caso di successo.
Blues Hand Me Down, il brano che apre il loro album di debutto, è un manifesto della loro musica: è come se James Brown e i Led Zeppelin si fossero magicamente fusi insieme... formidabili.

 

Jam Balaya

Ben Harper - Un 2019 importante tra i suoi 50 anni, la sua carriera... e l'album con Mavis Staples
Il prossimo 28 ottobre Ben Harper compirà 50 anni e questo 2019 per lui è un anno ricco e importante
Evolution - Intervista ad Alexis Ffrench
Ha pubblicato da poco il suo nuovo album "Evolution" ed è uno dei nuovi fenomeni del pianismo internazionale. La sua musica ricorda quella di George Winston o di Ludovico Einaudi.
Documentari su Leonard Cohen, Miles Davis e David Crosby al Sundance Film Festival 2019
Di questi tempi rock e cinema stanno flirtando sempre più spesso, come testimoniano tre documentari proiettati in questi giorni al Sundance Film Festival 2019
Intervista a Joan Baez - Tour d'addio sì, ma (forse) non ritiro definitivo dalle scene
Oltre alla recensione del concerto presso il Cortile dell'Agenzia di Pollenzo (Bra, Cuneo), qui vi proponiamo l'intervista a Joan Baez fatta nella stessa occasione
Hardly Strictly Bluegrass 2018 - Terza giornata chiusa come da tradizione da Emmylou Harris
Ultima giornata dell'Hardly Strictly Bluegrass 2018 molto ricca: tra gli altri è stato possibile ammirare Peter Rowan, Tim O'Brien, Booker T. Jones e in chiusura, come sempre, Emmylou Harris
Il merchandise ufficiale dell'Hardly Strictly Bluegrass 2018
Come ogni festival che si rispetti anche l'Hardly Strictly Bluegrass 2018 ha il suo merchandise
Il museo dell'Hardly Strictly Bluegrass 2018
Di fronte al Bandwagon Stage dell'Hardly Strictly Bluegrass 2018 c'è anche un museo per ammirare i poster delle varie edizioni e ripercorrere la storia del festival
Kevin Welch e il figlio Dustin all'Hardly Strictly Bluegrass 2018
Presso il Bandwagon Stage dell'Hardly Strictly Bluegrass 2018 il grande ritorno di Kevin Welch insieme al figlio Dustin
Don Was all'Hardly Strictly Bluegrass 2018
Il set più interessante dell'Hardly Strictly Bluegrass 2018: Don Was & Friends
Hardly Strictly Bluegrass 2018 - Seconda giornata (e cioè la più importante della manifestazione)
Da Graham Nash ai Los Lobos fino ad I Am With Her e alla grandissima Ani Di Franco, ecco il resoconto della seconda giornata dell'Hardly Strictly Bluegrass 2018
Hardly Strictly Bluegrass 2018 - Prima giornata con Mavis Staples, Alison Krauss, Chris Thile e...
Un grande inizio per l'Hardly Strictly Bluegrass 2018 aperto da David Bromberg e proseguito sui sette palchi con tanta grande musica
Hardly Strictly Bluegrass 2018 - Una tradizione che prosegue
5 ottobre 2018: inizia la nuova edizione dell'Hardly Strictly Bluegrass

Pagine