"Dance Me To The End Of Love" di Leonard Cohen per il Giorno della Memoria

La storia di un quartetto d'archi costretto a suonare nei campi di concentramento, mentre cresceva tristemente il numero delle vittime del genocidio: da questa vicenda nasce "Dance Me To The End Of Love" di Leonard Cohen
Mercoledì, 27 Gennaio, 2021
 
Oggi, 27 gennaio, è il Giorno della Memoria, una ricorrenza istituita nel 2005 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per commemorare le vittime dell’Olocausto. La scelta è ricaduta su questa data perché il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa liberarono i superstiti sopravvissuti all’interno del campo di concentramento di Auschwitz.
 
Come sempre tanta musica è stata ispirata da vicende come quella dell’Olocausto: è il caso ad esempio di Dance Me To The End Of Love, brano del 1984 di Leonard Cohen che apre il suo album Various Positions. Dance Me To The End Of Love trae ispirazione dalla storia di un quartetto d’archi costretto a suonare nei campi di concentramento, mentre cresceva tristemente il numero delle vittime del genocidio.
 
“Suonavano musica classica mentre i loro compagni di prigionia venivano uccisi e bruciati - raccontava Leonard Cohen. - Così quella musica, 'Fammi danzare verso la tua bellezza con un violino in fiamme', sta ad indicare la bellezza della conclusione dalla vita, la fine dell’esistenza e dell’elemento passionale in quella conclusione. Ma è lo stesso linguaggio che usiamo per arrenderci al nostro amore, così non è importante che tutti conoscano la genesi della canzone, perché se il linguaggio viene da quella fonte passionale sarà in grado di abbracciare ogni attività passionale".
 

 

 

The Clip of the Week

Billy Gibbons - "West Coast Junkie" è il nuovo singolo in attesa del nuovo album solista
Nuovo singolo per il frontman degli ZZ Top. Il brano si intitola "West Coast Junkie" e farà parte di "Hardware", terzo album solista di Billy Gibbons
Joe Strummer - Nuovo video di "I Fought The Law" per l'uscita di "Assembly"
Dark Horse Records celebra la pubblicazione di "Assembly" con un nuovo video ufficiale di "I Fought The Law".
Jam TV – Music Room #7 - Buon compleanno Lady Gaga
Venerdì 26 marzo, ore 19.30, settimo appuntamento con Jam TV – Music Room #7: "Buon compleanno Lady Gaga"
U2 - The Virtual Road
Una serie di concerti leggendari trasmessi sul canale YouTube della band, per la prima volta con audio rimasterizzato e nuova qualità delle immagini
Francesco Guccini - "Note di Viaggio. Il film"
Il viaggio nel dietro le quinte di uno dei progetti discografici italiani più ambiziosi e riusciti degli ultimi anni
Paul McCartney - Una nuova versione di "McCartney III" con Beck, Damon Albarn e tanti altri
Cover, partecipazioni e remix di altri artisti in "McCartney III Imagined", una nuova versione, che si preannuncia insolita e originale, di "McCartney III"
Jam TV – Music Room #6 - Jethro Tull, il mito - 50 anni di "Aqualung"
Venerdì 19 marzo, ore 19.00, sesto appuntamento con Jam TV – Music Room: "Jethro Tull, il mito - 50 anni di 'Aqualung'"
Jam TV – Music Room #5 - "Life On Mars?" 50 anni dopo
Venerdì 12 marzo, ore 19.00, quinto appuntamento con Jam TV – Music Room: "'Life On Mars?' 50 anni dopo"
Mick Fleetwood And Friends - "Rattlesnake Shake" con Steven Tyler e Billy Gibbons
"Rattlesnake Shake" - Una performance live con Steven Tyler e Billy Gibbons
Radio FM Project feat. Boris Savoldelli - "Bowie-Reed-Berlin"
Una città, Berlino, che è stata un'enorme fonte d'ispirazione per due dei più importanti esponenti della storia del rock d'avanguardia: David Bowie e Lou Reed...
Jam TV – Music Room #4 - Trap: chi la ama, chi la odia
Venerdì 5 marzo, ore 18.30, quarto appuntamento con Jam TV – Music Room: "Trap: chi la ama, chi la odia"
Lawrence Ferlinghetti - "The world is a beautiful place" per ricordare uno dei grandi padri della Beat Generation
(Foto anteprima: Cmichel67) Ci ha lasciato due giorni fa Lawrence Ferlinghetti, uno dei padri della Beat Generation

Pagine