Gimme Some Lovin' - Il giovanissimo Steve Winwood scrive una hit per lo Spencer Davis Group

La storia di "Gimme Some Lovin'", grande successo dello Spencer Davis Group, scritto dall'allora diciassettenne Steve Winwood
Giovedì, 19 Novembre, 2020
 
Estate del 1966: nei camerini del Marquee Club di Oxford Street c’è un quartetto che sta facendo fatica a farsi strada nell'affollato panorama musicale della Swinging London. Basato sulla straordinaria perizia dei due fratelli Winwood la band ha preso il nome dal chitarrista, Spencer Davis, perché era l’unico cui piaceva fare le interviste. Dopo vari tentativi con cover di ogni tipo, il loro produttore (il leggendario Chris Blackwell) li ha obbligati a scrivere un brano originale. "Vi chiudo in camerino sino a che non ve ne uscite con una canzone di successo", impone loro.
Detto, fatto. In meno di un'ora Steve Winwood, allora diciassettenne, che continuava a canticchiare "Gimme Gimme Some Lovin'" si siede all'organo Hammond e costruisce una canzone che inizia con un giro di basso del fratello Muff. Dopo quel momento, i quattro ragazzi vanno a bersi qualcosa nel pub accanto al locale. Tornato al Marquee, Blackwell non trova la band e, quando li scopre al bar, si infuria. "Vi avevo detto di uscire solo quando avevate una hit".
"E infatti l’abbiamo", gli risponde Winwood, "vuoi sentirla?".
Blackwell è stupefatto: il 28 ottobre 1966 Gimme Some Lovin' dello Spencer Davis Group esce nei negozi di dischi, d'Inghilterra prima e del mondo poi, entrando direttamente nella storia del rock. Tanto che, ancora oggi, con o senza i Traffic, Steve Winwood propone sempre il brano nei suoi concerti.
 

Jam Balaya

What's Up - Un grande successo per le 4 Non Blondes
Nel ritornello si ripete la frase "What’s Going On?", ma, essendo anche il titolo di un famoso brano di Marvin Gaye, la canzone si intitolerà "What’s Up" e sarà il singolo dell’alb
Don't Know Why - La storia del primo singolo di Norah Jones
"Don't Know Why" è un brano scritto originariamente da Jesse Harris per la sua band, The Ferdinandos... il successo arriva però solo grazie all'interpretazione di Norah Jones
Jammin' - Quando Bob Marley provò a far dialogare due leader politici giamaicani con la sua musica
Due leader politici giamaicani si stringono la mano sul palco durante una famosa maratona reggae, spinti a farlo da Bob Marley mentre esegue "Jammin'"...
Do You Believe In Magic - Il sogno si avvera anche per i Lovin' Spoonful
È la primavera del 1965 quando nascono i Lovin' Spoonful, un gruppo che sognava di ricalcare le orme dei Fab Four...
Psycho Killer - David Byrne "si immedesima in un criminale psicopatico" con i suoi Talking Heads
Impressionato dal rock horror di Alice Cooper e dal personaggio di Norman Bates, protagonista del film di Alfred Hitchcock, "Psycho", David Byrne scrive un brano in cui si immedesima nel ruo
I'm Easy - Keith Carradine dedica una canzone "a una persona speciale" nel film "Nashville"
Giugno 1975: nei cinema americani esce "Nashville", nuovo film di Robert Altman, e in una delle scene più famose del film...
Spinning Wheel - "Una ruota che gira" per Clayton-Thomas e i Blood, Sweat & Tears
"La vita è una ruota che gira" - dice Clayton-Thomas - "tanto che nel giro di pochi anni saremmo passati dalle idee di rivoluzione alla presidenza Reagan"
Louisiana 1927 - Corsi e ricorsi storici nel brano di Randy Newman
Randy Newman e la storia del suo brano ispirato all'alluvione che ha colpito la Louisiana nel 1927
Dear Mr. Fantasy - Nasce il mito dei Traffic
Aprile 1967: quattro ragazzi di Birmingham si ritirano in uno sperduto cottage del 1800 nella campagna del Berkshire...
You Don't Know How It Feels - Tom Petty e la censura
"You Don't Know How It Feels" è un brano di Tom Petty dal sapore autobiografico nel quale l’artista reclama candidamente una sua indipendenza personale e professionale.
Big Yellow Taxi - Uno dei primi pezzi ecologisti della storia porta la firma di Joni Mitchell
Honolulu, Hawaii, estate del 1969: Joni Mitchell, in visita al Giardino Botanico, ha l'idea per uno dei primi pezzi ecologisti della storia
Soul Kitchen - "La cucina dell'anima" per Jim Morrison e i Doors
Un tributo a un posto dove, parola di Morrison, “avrebbe voluto passare la notte nella loro cucina dell’anima” (anche se il messaggio del brano è un altro)...

Pagine