Morto il produttore Phil Spector

(Photo Credit: Kingkongphoto & www.celebrity-photos.com from Laurel Maryland, USA) Il famoso inventore del Wall of Sound è venuto a mancare per complicazioni legate al Covid-19
Domenica, 17 Gennaio, 2021
 
È venuto a mancare Phil Spector. Il famoso produttore musicale, inventore del Wall of Sound e dietro a tantissimi album di successo, aveva 81 anni ed è morto, secondo le prime ricostruzioni riportate da TMZ, per complicazioni legate al Covid-19. Phil Spector stava scontando la sua pena in carcere per l’omicidio della modella e attrice americana Lana Clarkson, ma un mese fa gli era stata diagnosticata la positività al virus ed era stato trasferito in ospedale. Dopo essersi inizialmente ripreso, era ritornato in carcere dove è morto nella giornata di ieri, 16 gennaio.
 
Lungo l’elenco degli artisti e degli album prodotti da Phil Spector, dai girl group come Crystals o Ronettes, alla coppia formata da Ike & Tina Turner, fino a dischi come Let It Be dei Beatles, All Things Must Pass di George Harrison, Imagine di John Lennon, Death Of A Ladies’ Man di Leonard Cohen o End Of The Century dei Ramones e tanti altri.
 
Nel 2013 è stato inoltre prodotto e trasmesso un film per la televisione dal titolo Phil Spector, diretto da David Mamet e con Al Pacino nel ruolo del famoso produttore e Helen Mirren.
 
 

 
A proposito del caso Lana Clarkson, ecco infine dal nostro archivio il ricordo del 2007 (con finale aggiornato agli eventi recenti) di Ezio Guaitamacchi
 
 
 
Lana Clarkson - L’ultimo ciak
Di Ezio Guaitamacchi
 
“Si chiamava Lana Clarkson. Era una mia amica.
L'avevo conosciuta nella primavera del 1992 quando Lana era venuta in Europa a cercare fortuna. Bella, alta, bionda, atletica, questa ragazzona californiana era stata nel 1985 la protagonista di Barbarian Queen (per la regia di Roger Corman) prima di apparire in Scarface al fianco di Al Pacino e recitare in molti altri film e in numerose serie televisive di successo. La dura legge di Hollywood, però, non l'aveva risparmiata. ‘Ci sarà sempre qualcuna più giovane, più sexy e più ambiziosa di te’ è il monito che, ancora oggi, echeggia nelle orecchie di star e starlette da quelle parti. Lei, che sognava di essere la nuova Lana Turner, per un momento pensò che il Vecchio Continente l'avrebbe apprezzata maggiormente.
L'Italia era stata la sua prima scelta.
‘Mi piace tutto del vostro Paese’ mi diceva. E non era difficile crederle: corteggiata da dozzine di pretendenti, Miss Clarkson si godeva le sue dolci ‘vacanze romane’ a Milano. Per una decina di giorni, Lana si era trasferita nel mio appartamento: doveva fare un paio di provini per la Rai e girare un'intervista per Nonsolomoda. Fantasticava di un suo futuro professionale da noi, anche se io non perdevo occasione di ricordarle le differenze culturali tra Italia e Stati Uniti. ‘Qui non siamo a Hollywood’ le ripetevo. Ma lei non sembrava darmi retta; nemmeno quando la (lungamente attesa) audizione in Rai non aveva ottenuto gli esiti sperati. Quella sera, Lana era scoppiata a piangere. ‘Com'è possibile?’ singhiozzava. ‘Io, che ho recitato con le più grandi star hollywoodiane, vengo trattata come l'ultima delle comparse’.
L'avevo portata al concerto di Crosby, Stills & Nash per tirarle su il morale e per farle provare un po' di nostalgia per la natia California. Per qualche ora aveva funzionato. Poi l'ho persa di vista.
Una sera, un paio d'anni dopo, il mio telefono squilla. È Lana, mi chiama da Los Angeles, è tornata a casa. Sta girando alcuni spot pubblicitari (Mercedes, K-Mart, ecc.), le hanno offerto qualche particina in film di una certa importanza, si vocifera che possa avere il ruolo di protagonista in un action movie. Insomma, è rientrata nel giro e mi sembra contenta. Da allora, non ho avuto più notizie di lei.
Sino all'inverno del 2003.
Alle 2 del mattino del 3 febbraio, Lana Clarkson è di fronte alla porta d'ingresso della House Of Blues sul Sunset Strip: lavora lì da qualche tempo, come hostess della vip room. Oltre che per un dignitoso stipendio, Lana ha accettato quel lavoro nella speranza (credo mai sopita) di fare l'incontro giusto. Che, quella sera, sembra prendere le sembianze di Phil Spector, il più leggendario producer della storia del rock, ma anche uno dei soggetti più stravaganti e violenti che popolano la Città degli Angeli.
Spector, che negli ultimi tempi ha ripreso a bere, offre a Lana un passaggio a casa. Le vuole far provare la sua nuova limousine e, qualora le andasse, anche mostrarle la sua chiacchieratissima villa. Lana è eccitata: Phil Spector, l'inventore del wall of sound, lo scopritore dei girl groups, il talentuoso producer di Ike & Tina Turner, l'uomo dietro la consolle di Let It Be, All Things Must Pass, Imagine e del Concert For Bangladesh, stasera è lì che scherza con lei. E chi se ne frega se la sua ultima produzione importante è stata quella con i Ramones, quasi 25 anni fa (degli Starsailor manco lui ne vuole parlare): stanotte Lana, che ha appena partecipato alla serata dei Grammy, non intende perdersi la grande occasione. Adriano Desouza, lo chauffeur di Spector, accompagna i due sino all'ingresso del castello e, con fare molto professionale, resta lì, in attesa, sino a nuove istruzioni. Passano due ore. Spector esce di casa in stato confusionale. Si avvicina al suo autista e gli dice: ‘Chiama la polizia, credo di aver ucciso qualcuno’.
Quando i detective del Lapd giungono a Alhambra, trovano su una sedia il corpo riverso di Lana Clarkson. Le hanno sparato in bocca, è morta all'istante. Spector viene arrestato, ma il giorno dopo il suo avvocato Robert Shapiro (l'uomo che è riuscito a far scagionare OJ Simpson), a fronte di un assegno da un milione di dollari, ottiene la libertà su cauzione. Da allora, puntualmente, ogni tre/quattro mesi Shapiro riesce a rinviare l'udienza in tribunale. Pare che lui e il collegio di difesa siano pure riusciti ad architettare le prove di un ‘presunto suicidio’. E persino a sostenere che Lana (che beveva solo latte e menta, credetemi…) quella notte fosse piena di sostanze stupefacenti e che ‘volesse baciare la pistola’.
Ancora a quattro anni dalla morte di Lana Clarkson, il suo, come dicono lì, è un ‘open case’.
Anzi, forse il più famoso ‘caso’ d'America.
I suoi famigliari, i suoi amici e tutti coloro che le hanno voluto bene non sono in cerca di vendetta. Vogliono soltanto giustizia.
Quando, il 13 aprile 2009, dopo diciannove giorni di consultazioni, la giuria del processo ha finalmente emesso il verdetto di colpevolezza, Phil Spector è stato condannato a diciannove anni. Immediatamente rinchiuso nel carcere di Corcoran, California, Spector avrebbe avuto facoltà di richiedere la libertà sulla parola nel 2024. Il Covid gliela ha negata prima.
Giustizia è fatta”.
 

The Clip of the Week

Kurt Vile & The Violators - "Run Run Run" anticipa l'album tributo "I'll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground and Nico"
Iggy Pop, Michael Stipe, St. Vincent, Kurt Vile e tanti altri rendono omaggio a "The Velvet Underground & Nico"
I White Stripes celebrano il 20° anniversario di "White Blood Cells"
(White Stripes; foto di Patrick Pantano) "White Blood Cells" dei White Stripes compie 20 anni.
Lenny Kravitz - Raise Vibration
Un messaggio di speranza da parte di Lenny Kravitz che torna con il nuovo singolo "Raise Vibration"
Jam TV – Music Room #17: La storia di Hard Rock & Heavy Metal
Venerdì 25 giugno, ore 19:00, nuovo appuntamento con Jam TV – Music Room: “La storia di Hard Rock & Heavy Metal”
Buena Vista Social Club - "Vicenta" è il primo inedito tratto dalla riedizione speciale per il 25° anniversario dalla pubblicazione
25° anniversario del Buena Vista Social Club celebrati con una riedizione speciale
Laurie Anderson - Tiny Desk (Home) Concert
Laurie Anderson protagonista dell'ultimo Tiny Desk Concert (in "versione casalinga")
Jam TV – Music Room #16 - Crosby, Stills, Nash & Young: 50 anni (+1) di "Déjà vu"
Venerdì 4 giugno, ore 19:00, nuovo appuntamento con Jam TV – Music Room che sarà dedicato ai 50 anni (+1) di "Déjà vu" di Crosby, Stills, Nash & Young
Jackson Browne - "My Cleveland Heart"
Nuovo singolo per Jackson Browne tratto da "Downhill From Everywhere", nuovo album in uscita il prossimo 23 luglio
Jam TV – Music Room #15 - Avion Travel: un sentimento che dura da 40 anni
Venerdì 28 maggio, ore 19:00, nuovo appuntamento con Jam TV – Music Room. Saranno ospiti del nostro "salotto virtuale" Ferruccio Spinetti, Peppe D'Argenzio e Massimo Cotto.
Addio a Franco Battiato
È venuto a mancare all’età di 76 anni nella sua casa di Milo, ai piedi dell’Etna, Franco Battiato. Era nato il 23 marzo 1945 a Ionia (ora Riposto), in provincia di Catania, ed era malato da tempo
Jam TV – Music Room #14 - Bob Dylan: 80 anni del Picasso del rock
Venerdì 21 maggio, ore 19:00, nuovo appuntamento con Jam TV – Music Room in cui celebreremo gli 80 anni di Bob Dylan
Martin Garrix Feat. Bono & The Edge - "We Are The People" è l'inno ufficiale di UEFA EURO 2020
(Bono, Martin Garrix, The Edge; foto di Louis van Baar) Martin Garrix insieme a Bono & The Edge degli U2 per "We Are The People", l'inno ufficiale dei prossimi campionati europei di

Pagine