Paradise City - Riff di Slash e testo (in versione edulcorata) di Axl per i Guns N' Roses

Sul retro di un van mezzo scassato, dopo un concerto a San Francisco, il chitarrista dei Guns N' Roses Slash strimpella su una sei corde acustica il riff che apre un pezzo destinato a diventare un classico del rock
Giovedì, 17 Settembre, 2020
 
Anno 1985. L'avevano chiamato "Hell Tour", il tour infernale. I Guns N' Roses stavano su due minibus per andare dalla loro Los Angeles sino a Sacramento per raggiungere quindi Seattle, città natale di Duff McKagan, bassista del gruppo. Poi, uno dei van si era rotto e i ragazzi erano stati costretti a pigiarsi tutti insieme. Eppure, proprio sul retro di quel van mezzo scassato, dopo un concerto a San Francisco, il chitarrista della band Slash strimpella su una sei corde acustica il riff che apre un pezzo destinato a diventare un classico del rock. Subito gli altri gli vanno dietro e quando Slash comincia a canticchiare "Take me down to the Paradise City" il cantante Axl, forse ricordando le sue origini del Midwest, gli risponde "where the grass is green and the girls are pretty" ("dove l'erba è verde e le ragazze sono belle"). A Slash non piace: preferirebbe piuttosto "where the girls are fat and they got big titties" ("dove le ragazze sono grasse e hanno grandi tette")... ma poi accetta la versione edulcorata dell’amico.
Intanto, la band comincia a farsi un nome nella scena losangelina e nel marzo del 1986 firma un contratto discografico con la Geffen.
Paradise City, insieme a Welcome To The Jungle e a Sweet Child O'Mine si afferma come uno dei brani principali dell'album di debutto, Appetite For Destruction, pubblicato nel febbraio del 1987.
Il video, ripreso dal vivo nel tour che la band fa in apertura degli Aerosmith e in una tappa del Monster of Rock a Donington (di fronte a quasi 100mila spettatori) diventa uno dei più amati dai telespettatori di MTV. E Paradise City, il brano ancora oggi preferito da Slash nel repertorio dei Guns N’ Roses, da quel momento in poi sarà destinato a chiudere tutti i loro concerti.
 

Jam Balaya

Virus - "Una specie di storia d'amore tra il virus e la cellula" nella canzone di Björk
È il 2011 e la popstar islandese Björk pubblica un album, “Biophilia”, interamente dedicato al mondo della natura e, in modo assolutamente profetico, inserisce all'interno del disco un pezzo inti
"I Will Survive" canta Gloria Gaynor, diventando così una grande regina della disco music
Nel 1977 alla cantante afroamericana Gloria Gaynor viene proposta una canzone che sembra perfetta per alcune vicissitudini di vita che la stessa artista ha avuto in passato...
Peaceful Easy Feeling - Glenn Frey fa suo il brano di Jack Tempchin per il primo album degli Eagles
È il 1969 e Jack Tempchin ha appena finito il suo concerto in un localino di San Diego, al confine tra la California e il Messico.
Are You Lonesome Tonight? - Elvis di nuovo in studio dopo il servizio militare
Sono gli ultimi giorni di servizio militare per Elvis Presley, ma il suo manager, il famigerato Colonnello Parker, sta premendo da tempo perché torni a incidere, torni quindi a fare nuove canzoni...
I'm Still Standing - Elton John rimane in piedi (negli anni, rispetto alle mode e...)
Nei primissimi anni ’80 la stella di Elton John pare risplendere molto meno, travolta dalla rivoluzione punk, dalla moda dei nuovi romantici e dalle novità musicali che stanno emergendo in quei giorni
Don't Let It Bring You Down - L'invito (più che mai attuale) di Neil Young a non abbattersi
Nei primissimi anni ’70 Neil Young era solito presentare dal vivo una canzone che a lui piaceva molto e che sarebbe poi diventata un suo successo o perlomeno sarebbe stata amatissima dai suoi fan...
Don't Stand So Close To Me
Sting e i suoi "trascorsi" da insegnante in questo famoso brano con i Police
Hallelujah - Il brano di Leonard Cohen che diventa un vero e proprio inno grazie a Jeff Buckley
Sono i primi anni ’90 e Jeff Buckley, figlio del grande Tim Buckley, si sta facendo le ossa come songwriter nei locali newyorkesi...
Fortunate Son - La rabbia di John Fogerty nei confronti di certi "figli privilegiati"
È il 1968 e gli Stati Uniti D’America sono nel bel mezzo della sanguinosissima guerra nelle giungle vietnamite...
Better Days - I giorni migliori di Bruce Springsteen
È la fine del 1991 e per Bruce Springsteen si apre un futuro radioso, specialmente dal punto di vista personale...
The Healer - Il blues che guarisce di John Lee Hooker e Carlos Santana
Nel 1989 la grande leggenda del blues John Lee Hooker viene convinto a fare un album di duetti stellari...
Freedom
Richie Havens e il suo inno alla libertà al Festival di Woodstock

Pagine