Paradise City - Riff di Slash e testo (in versione edulcorata) di Axl per i Guns N' Roses

Sul retro di un van mezzo scassato, dopo un concerto a San Francisco, il chitarrista dei Guns N' Roses Slash strimpella su una sei corde acustica il riff che apre un pezzo destinato a diventare un classico del rock
Giovedì, 17 Settembre, 2020
 
Anno 1985. L'avevano chiamato "Hell Tour", il tour infernale. I Guns N' Roses stavano su due minibus per andare dalla loro Los Angeles sino a Sacramento per raggiungere quindi Seattle, città natale di Duff McKagan, bassista del gruppo. Poi, uno dei van si era rotto e i ragazzi erano stati costretti a pigiarsi tutti insieme. Eppure, proprio sul retro di quel van mezzo scassato, dopo un concerto a San Francisco, il chitarrista della band Slash strimpella su una sei corde acustica il riff che apre un pezzo destinato a diventare un classico del rock. Subito gli altri gli vanno dietro e quando Slash comincia a canticchiare "Take me down to the Paradise City" il cantante Axl, forse ricordando le sue origini del Midwest, gli risponde "where the grass is green and the girls are pretty" ("dove l'erba è verde e le ragazze sono belle"). A Slash non piace: preferirebbe piuttosto "where the girls are fat and they got big titties" ("dove le ragazze sono grasse e hanno grandi tette")... ma poi accetta la versione edulcorata dell’amico.
Intanto, la band comincia a farsi un nome nella scena losangelina e nel marzo del 1986 firma un contratto discografico con la Geffen.
Paradise City, insieme a Welcome To The Jungle e a Sweet Child O'Mine si afferma come uno dei brani principali dell'album di debutto, Appetite For Destruction, pubblicato nel febbraio del 1987.
Il video, ripreso dal vivo nel tour che la band fa in apertura degli Aerosmith e in una tappa del Monster of Rock a Donington (di fronte a quasi 100mila spettatori) diventa uno dei più amati dai telespettatori di MTV. E Paradise City, il brano ancora oggi preferito da Slash nel repertorio dei Guns N’ Roses, da quel momento in poi sarà destinato a chiudere tutti i loro concerti.
 

Jam Balaya

Hold On, I'm Comin'
Quando le belle canzoni nascono in "circostanze particolari"
My Back Pages - Bob Dylan e quella celebre svolta nella sua carriera
Dicembre del 1963: il ventiduenne Bob Dylan viene insignito del Tom Payne Award, un riconoscimento dato a personalità che si sono distinte per senso libertario e impegno nella società civile, ma...
Feelin' Alright? - Dalla versione dei Traffic scritta da Dave Mason a quella di Joe Cocker
Tutto comincia nell'autunno del 1967 quando, alla vigilia della pubblicazione dell’album d’esordio, Dave Mason lascia la band che aveva fondato con Steve Winwood, i Traffic...
"Non avevo mai visto la luna nel buio del cielo notturno"
Nasce così "Moonshadow" di Cat Stevens
"Take It Easy" (come cantavano già gli Eagles e Jackson Browne)
È la primavera del 1971 e Jackson Browne sta preparando il suo album di debutto...
Warren Zevon e "I lupi mannari di Londra"
"Dopo aver visto in televisione un film degli anni ’30, Werewolves Of London (I lupi mannari di Londra), continua a dirgli che avrebbe dovuto scrivere un brano con lo stesso titolo"
Santana - "Soul Sacrifice" chiude il set infuocato di Woodstock
Ad agosto del 1969 sul palco di Woodstock sale un sestetto sconosciuto ai più, ma che a San Francisco rappresentava già un mito...
Il sogno di Elvis
Ottobre 1958: Elvis Presley, nel corso di un’intervista, racconta di non aver avuto mai l’ispirazione giusta per scrivere una canzone tranne quella volta quando, dopo essersi addormentato, ha fatto un
We Will Get By, We Will Survive
È la primavera del 1987 quando su MTV gira un video stravagante di una delle più leggendarie band del rock californiano, i Grateful Dead...
Language Is A Virus – Da William S. Burroughs a Laurie Anderson
L'aveva profetizzato William S.
Fabrizio De André secondo Beppe Gambetta
Il musicista genovese ci ha raccontato il suo primo incontro con Fabrizio De André e tutto il lavoro svolto sull'opera del grande Faber, affinché venga conosciuta e apprezzata anche all'este
Elliott Landy - Intervista ad uno dei fotografi più leggendari della storia del rock
Bob Dylan, The Band, il Festival di Woodstock del quale è stato fotografo ufficiale: sono davvero tanti i ricordi e gli aneddoti di Elliott Landy.

Pagine