Paradise City - Riff di Slash e testo (in versione edulcorata) di Axl per i Guns N' Roses

Sul retro di un van mezzo scassato, dopo un concerto a San Francisco, il chitarrista dei Guns N' Roses Slash strimpella su una sei corde acustica il riff che apre un pezzo destinato a diventare un classico del rock
Giovedì, 17 Settembre, 2020
 
Anno 1985. L'avevano chiamato "Hell Tour", il tour infernale. I Guns N' Roses stavano su due minibus per andare dalla loro Los Angeles sino a Sacramento per raggiungere quindi Seattle, città natale di Duff McKagan, bassista del gruppo. Poi, uno dei van si era rotto e i ragazzi erano stati costretti a pigiarsi tutti insieme. Eppure, proprio sul retro di quel van mezzo scassato, dopo un concerto a San Francisco, il chitarrista della band Slash strimpella su una sei corde acustica il riff che apre un pezzo destinato a diventare un classico del rock. Subito gli altri gli vanno dietro e quando Slash comincia a canticchiare "Take me down to the Paradise City" il cantante Axl, forse ricordando le sue origini del Midwest, gli risponde "where the grass is green and the girls are pretty" ("dove l'erba è verde e le ragazze sono belle"). A Slash non piace: preferirebbe piuttosto "where the girls are fat and they got big titties" ("dove le ragazze sono grasse e hanno grandi tette")... ma poi accetta la versione edulcorata dell’amico.
Intanto, la band comincia a farsi un nome nella scena losangelina e nel marzo del 1986 firma un contratto discografico con la Geffen.
Paradise City, insieme a Welcome To The Jungle e a Sweet Child O'Mine si afferma come uno dei brani principali dell'album di debutto, Appetite For Destruction, pubblicato nel febbraio del 1987.
Il video, ripreso dal vivo nel tour che la band fa in apertura degli Aerosmith e in una tappa del Monster of Rock a Donington (di fronte a quasi 100mila spettatori) diventa uno dei più amati dai telespettatori di MTV. E Paradise City, il brano ancora oggi preferito da Slash nel repertorio dei Guns N’ Roses, da quel momento in poi sarà destinato a chiudere tutti i loro concerti.
 

Jam Balaya

Don't Stand So Close To Me
Sting e i suoi "trascorsi" da insegnante in questo famoso brano con i Police
Hallelujah - Il brano di Leonard Cohen che diventa un vero e proprio inno grazie a Jeff Buckley
Sono i primi anni ’90 e Jeff Buckley, figlio del grande Tim Buckley, si sta facendo le ossa come songwriter nei locali newyorkesi...
Fortunate Son - La rabbia di John Fogerty nei confronti di certi "figli privilegiati"
È il 1968 e gli Stati Uniti D’America sono nel bel mezzo della sanguinosissima guerra nelle giungle vietnamite...
Better Days - I giorni migliori di Bruce Springsteen
È la fine del 1991 e per Bruce Springsteen si apre un futuro radioso, specialmente dal punto di vista personale...
The Healer - Il blues che guarisce di John Lee Hooker e Carlos Santana
Nel 1989 la grande leggenda del blues John Lee Hooker viene convinto a fare un album di duetti stellari...
Freedom
Richie Havens e il suo inno alla libertà al Festival di Woodstock
Here Comes The Sun - Per George Harrison è un brutto periodo, ma...
Anche nei giorni più bui e più tempestosi dobbiamo sempre ricordarci che prima o poi il sole tornerà a splendere
I’m Free – Tommy ritrova finalmente la libertà nella rock opera degli Who
Nel maggio del 1969 gli Who pubblicano “Tommy”, la prima più importante rock opera della storia...
Spinning Wheel - "Una ruota che gira"
Nel 1967 David Clayton-Thomas, giovane songwriter canadese appassionato di blues, frequenta la scena musicale di Toronto. Lì ha conosciuto Joni Mitchell...
I Got You (I Feel Good) - James Brown (ri)scrive il suo brano di maggior successo
È il 1965, James Brown è ai vertici della popolarità e allora decide di scrivere un pezzo, riproponendo di fatto un altro suo brano che aveva composto e regalato alla sua corista, ma che non aveva avu
Fragile - La poesia di Sting che solleva gli animi di tutti noi e ci dà ottimismo e speranza
È l’11 settembre del 2001, giorno in cui tutti abbiamo assistito sgomenti alle tragiche immagini provenienti da New York, dalle Torri Gemelle.
Shelter From The Storm - Bob Dylan cerca "riparo dalla tempesta"
È l'estate del 1975 e qualcuno dice che a Bob Dylan sia tornata l'ispirazione.

Pagine