Riders On The Storm - La storia dell'ultimo brano inciso da Jim Morrison con i Doors

È il dicembre del 1970 quando i Doors sono impegnati nelle registrazioni di "L.A. Woman", ultimo album del gruppo insieme a Jim Morrison...
Mercoledì, 2 Dicembre, 2020
 
Dicembre del 1970: i Doors sono nel loro Workshop sul Santa Monica Boulevard per registrare L.A. Woman, quello che sarà l'ultimo album della band losangelina insieme a Jim Morrison. Dopo aver ascoltato alcuni provini, in particolare quello di Love Her Madly, lo storico produttore del gruppo Paul Rothchild bolla quelle canzoni come "cocktail music", una definizione spregiativa che fa infuriare la band. A quel punto, Ray Manzarek, Robby Krieger, John Densmore e Jim Morrison decidono di fare da soli. Per la parte tecnica si affidano al fedele fonico Bruce Botnick, per il resto ci pensano loro.
Ripescano persino un'idea musicale ispirata dall’ascolto di un vecchio brano Country & Western intitolato (Ghost) Riders in the Sky. A Krieger, infatti, piaceva svisare con la chitarra sulla melodia di quel pezzo, mentre Manzarek ne aveva fatto un arrangiamento con accordi in minore e un incipit jazzy. Infine, Jim Morrison, che aveva finito di montare il documentario "on the road" HWY: An American Pastoral, ispirato dagli atti criminosi del serial killer Billy Cook, aveva scritto un testo molto intenso.
Nasce così Riders On The Storm, ultima canzone incisa da Jim con i Doors: dopo aver registrato la voce ci sussurra sopra una seconda traccia in synch per creare un effetto eco.
Poi, Jim Morrison partirà per Parigi per concludere nella Ville Lumière la sua giovane vita sei mesi dopo, il 3 luglio del 1971.
 

Jam Balaya

Hold On, I'm Comin'
Quando le belle canzoni nascono in "circostanze particolari"
My Back Pages - Bob Dylan e quella celebre svolta nella sua carriera
Dicembre del 1963: il ventiduenne Bob Dylan viene insignito del Tom Payne Award, un riconoscimento dato a personalità che si sono distinte per senso libertario e impegno nella società civile, ma...
Feelin' Alright? - Dalla versione dei Traffic scritta da Dave Mason a quella di Joe Cocker
Tutto comincia nell'autunno del 1967 quando, alla vigilia della pubblicazione dell’album d’esordio, Dave Mason lascia la band che aveva fondato con Steve Winwood, i Traffic...
"Non avevo mai visto la luna nel buio del cielo notturno"
Nasce così "Moonshadow" di Cat Stevens
"Take It Easy" (come cantavano già gli Eagles e Jackson Browne)
È la primavera del 1971 e Jackson Browne sta preparando il suo album di debutto...
Warren Zevon e "I lupi mannari di Londra"
"Dopo aver visto in televisione un film degli anni ’30, Werewolves Of London (I lupi mannari di Londra), continua a dirgli che avrebbe dovuto scrivere un brano con lo stesso titolo"
Santana - "Soul Sacrifice" chiude il set infuocato di Woodstock
Ad agosto del 1969 sul palco di Woodstock sale un sestetto sconosciuto ai più, ma che a San Francisco rappresentava già un mito...
Il sogno di Elvis
Ottobre 1958: Elvis Presley, nel corso di un’intervista, racconta di non aver avuto mai l’ispirazione giusta per scrivere una canzone tranne quella volta quando, dopo essersi addormentato, ha fatto un
We Will Get By, We Will Survive
È la primavera del 1987 quando su MTV gira un video stravagante di una delle più leggendarie band del rock californiano, i Grateful Dead...
Language Is A Virus – Da William S. Burroughs a Laurie Anderson
L'aveva profetizzato William S.
Fabrizio De André secondo Beppe Gambetta
Il musicista genovese ci ha raccontato il suo primo incontro con Fabrizio De André e tutto il lavoro svolto sull'opera del grande Faber, affinché venga conosciuta e apprezzata anche all'este
Elliott Landy - Intervista ad uno dei fotografi più leggendari della storia del rock
Bob Dylan, The Band, il Festival di Woodstock del quale è stato fotografo ufficiale: sono davvero tanti i ricordi e gli aneddoti di Elliott Landy.

Pagine