See You Later, Alligator - Bill Haley al successo con un brano rock 'n' roll nato da un modo di dire

Siamo nell'estate del 1955 quando una sera a New Orleans Bobby Charles, dopo aver suonato in un locale del "cajun country" con la sua band Cardinals, aveva salutato il pianista con la "classica frase" "See you later, alligator"
Martedì, 26 Gennaio, 2021
 
 

 
New Orleans, estate del 1955: in un piccolo studio della Crescent City si sta per incidere una canzone destinata a diventare una delle più grandi hit della storia del rock ‘n’ roll. Il suo autore è Bobby Charles, nativo di Abbeville, Louisiana.
Una sera, dopo aver suonato in un locale del "cajun country" con la sua band Cardinals, aveva salutato il pianista con la "classica frase" "See you later, alligator" ("alligator", nello slang dell’epoca indicava i jazzisti bianchi o le persone alla moda). Una ragazza sconosciuta, seduta in un tavolo nei pressi del palco e che forse aveva bevuto un bicchiere di troppo, gli aveva fatto eco dicendo: “After a while, crocodile”.
Tornato a casa, Bobby aveva scritto il pezzo di getto: si dice abbia impiegato soltanto una ventina di minuti. Rubacchiando qua e là da un brano di Guitar Slim, Bobby Charles aveva composto Later Alligator che verrà pubblicata a novembre di quello stesso anno dalla Chess Records di Chicago. Quando Bobby Charles mette piede negli studi della Chess Records ha una sorpresa. Il discografico, il leggendario Leonard Chess, quando lo incontra resta sconcertato: era convinto che Bobby Charles fosse un artista di colore...
Il 1° febbraio del 1956 la Decca pubblica una nuova versione del brano, con il titolo See You Later, Alligator, questa volta interpretato da Bill Haley e dai suoi Comets. La canzone finirà nella colonna sonora di Rock Around The Clock, un musical cinematografico che Bill Haley stava girando in quel periodo e che decreterà sia il successo definitivo del brano di Bobby Charles che l’uso comune della frase "See you later, alligator"...

 

Jam Balaya

Freedom
Richie Havens e il suo inno alla libertà al Festival di Woodstock
Here Comes The Sun - Per George Harrison è un brutto periodo, ma...
Anche nei giorni più bui e più tempestosi dobbiamo sempre ricordarci che prima o poi il sole tornerà a splendere
I’m Free – Tommy ritrova finalmente la libertà nella rock opera degli Who
Nel maggio del 1969 gli Who pubblicano “Tommy”, la prima più importante rock opera della storia...
Spinning Wheel - "Una ruota che gira"
Nel 1967 David Clayton-Thomas, giovane songwriter canadese appassionato di blues, frequenta la scena musicale di Toronto. Lì ha conosciuto Joni Mitchell...
I Got You (I Feel Good) - James Brown (ri)scrive il suo brano di maggior successo
È il 1965, James Brown è ai vertici della popolarità e allora decide di scrivere un pezzo, riproponendo di fatto un altro suo brano che aveva composto e regalato alla sua corista, ma che non aveva avu
Fragile - La poesia di Sting che solleva gli animi di tutti noi e ci dà ottimismo e speranza
È l’11 settembre del 2001, giorno in cui tutti abbiamo assistito sgomenti alle tragiche immagini provenienti da New York, dalle Torri Gemelle.
Shelter From The Storm - Bob Dylan cerca "riparo dalla tempesta"
È l'estate del 1975 e qualcuno dice che a Bob Dylan sia tornata l'ispirazione.
L’inno ai valori dell’amicizia di Carole King (cantato con grande successo anche da James Taylor)
Ancora oggi Carole King e James Taylor, quando si ritrovano insieme su un palco, non fanno a meno di riproporre "You've Got A Friend", un grande inno ai valori dell’amicizia che, oggi p
All You Need Is Love
Il 25 giugno del 1967 va in onda “Our World”, il primo programma via satellite in mondovisione che collega simultaneamente più nazioni, ognuna delle quali presenta dei personaggi rilevanti del mondo d
All I Have To Do Is Dream... perché sognare non costa nulla
Felice e Boudleaux Bryant sono una coppia nell'arte e nella vita. Loro scrivono canzoni e hanno composto tantissime hit soprattutto per gli Everly Brothers.
John Mellencamp - L'orgoglio di essere nato e cresciuto in provincia
Seymour, Indiana, è una cittadina di circa 20.000 abitanti, una cittadina di provincia, ed è lì che è nato John Mellencamp prima di trasferirsi nella vicina Bloomington
My City Of Ruins
È l'anno 2000 quando Bruce Springsteen scrive una canzone dedicata alla sua città...

Pagine