Tu sei qui

"Fabrizio De André e PFM. Il concerto ritrovato" di Walter Veltroni torna nelle sale

Il docufilm torna nelle sale il prossimo 11 marzo dopo aver conquistato oltre 100mila spettatori al cinema in soli tre giorni superando il milione di euro d'incasso
22 Febbraio 2020
Dopo aver conquistato per tre giorni il primo posto al box office, superando il milione di euro incassati e portando in sala 100 mila spettatoriFabrizio De André e PFM. Il concerto ritrovato di Walter Veltroni tornerà al cinema solo per un giorno per una replica in contemporanea nazionale in programma solo l'11 marzo (elenco sale a breve su www.nexodigital.it).
 
Lo storico filmato del concerto di Fabrizio De André con la PFM, recentemente ritrovato dopo essere stato custodito per oltre 40 anni dal regista Piero Frattari che partecipò alla realizzazione delle riprese, è diventato un docufilm diretto da Walter Veltroni, dedicato a quella indimenticabile pagina della storia della musica italiana. Dopo un lungo periodo di ricerca con il supporto di Franz Di Cioccio, il nastro che si credeva perduto per sempre è stato rintracciato e grazie al regista Piero Frattari, che lo ha salvato e conservato nel corso dei decenni, è stato recentemente possibile restaurarlo. Il docufilm ricostruisce quell'epoca indimenticabile che ha segnato un momento storico - l'irripetibile sodalizio artistico tra uno dei più grandi artisti italiani di sempre e la rock band italiana più conosciuta al mondo - partendo soprattutto dalla ritrovata registrazione video completa del concerto di Genova del 3 gennaio 1979, un documento veramente straordinario visto che si tratta delle uniche immagini di quell'incredibile tournée.
 
In attesa di rivedere il prossimo 11 marzo al cinema Fabrizio De André e PFM. Il concerto ritrovato, vi riproponiamo la nostra intervista ad alcuni dei protagonisti di quel concerto e di quello strepitoso tour, da Guido Harari, fotografo che immortalò quei live con i suoi scatti, ad alcuni componenti della PFM come Roberto Colombo, Flavio Premoli e Lucio Fabbri: