Tu sei qui

Paolo Saporiti

Acini – Live
OrangeHomeRecords
Una nuova tappa importante nella carriera di Paolo Saporiti con questo primo album live
di Leonardo Follieri
28 Febbraio 2020
Milano, 25 luglio 2019: al Garage Moulinski il trio suona per una delle tante date del tour. E in quest’occasione viene registrato il primo album live di Paolo Saporiti. Può sembrare un modo per immortalare una delle tante serate di un percorso durato circa un anno e mezzo, a partire dall’uscita di Acini, l’album solista che il cantautore aveva scritto ispirandosi al romanzo inedito del padre Acini d’uva.
Acini – Live rappresenta, però, qualcosa in più per Paolo Saporiti: è il manifesto di come propone attualmente la sua musica dal vivo, con il suo impatto crescente e in continua evoluzione data dopo data. Il sottotitolo del lavoro è Trio, a sottolineare che il cantautore non è solo sul palco, ma è accompagnato, come in tanti altri concerti, da Alberto N. A. Turra alla chitarra e Lucio Sagone alla batteria.
 
Un live da ascoltare tutto d’un fiato che non ha subito rielaborazioni in post-produzione: sette brani da Acini e sei dai lavori precedenti, ma soprattutto un vestito adatto ad ogni singolo pezzo, cucito un po’ alla volta nel corso del tour, per essere indossato anche in questa serata, in modo da far risplendere ancor meglio la voce di Paolo Saporiti, sospinta perfettamente dal trio. Spesso sono presenti lunghe intro strumentali che arricchiscono i brani senza mai stravolgerne il senso, come già accade all’inizio in Nel mio nome e ancor di più in Gelo, e poi si distingue un pezzo come Sangue che ad un certo punto diventa Street Spirit per rendere omaggio ai Radiohead, ma in tutto l’album permane la costante e sempre maggiore libertà del cantautore nell’esprimere la sua intonazione ineccepibile, unita ad una grande intensità live, per esempio in brani come Che cosa rimane di noi, America, La mia luna o Amica mia.
 
Otto album da solista e due con il progetto Todo Modo insieme a Giorgio Prette e Xabier Iriondo prima di Acini – Live. Prima cioè di un tassello necessario ad arricchire il profilo artistico di Paolo Saporiti, cantautore non solo forte dei suoi pezzi e della sua voce, ma ben calato musicalmente nella realtà di questo trio. E cantautore evidentemente proiettato verso nuovi orizzonti, partendo da queste nuove certezze, disvelate anche nei confronti di chi non ha ancora potuto assistere ai suoi live o di chi adesso attende con maggiore curiosità un suo nuovo lavoro di inediti.