Recensione

William S. Burroughs e il culto del rock'n'roll

Image: 
Era uno dei tanti personaggi ritratti sulla copertina di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles, a testimonianza di quanto la sua figura fosse già allora molto influente e sia ancora oggi davvero immortale.
William Burroughs era però soprattutto anticonvenzionale, come ben raccontato da Casey Rae nel suo nuovo libro William S. Burroughs e il culto del rock'n'roll, tradotto in italiano da Alessandro Besselva Averame.

Bob Dylan

Image: 
Un nuovo album di inediti a otto anni di distanza dal precedente Tempest e dopo aver pubblicato tre antologie di cover con le quali ha voluto rendere omaggio al Great American Songbook (Shadows in the Night del 2015, Fallen Angels del 2016 e Triplicate del 2017).
 

Neil Young

Image: 
Sono trascorsi più di quarantacinque anni da quelle registrazioni, ma Neil Young ha deciso di pubblicare soltanto adesso Homegrown.

Bono. La voce degli U2 tra musica, impegno e spiritualità

Image: 
“Bono ha un ego enorme, ma anche un gran cervello e un grande cuore” sostiene Brian Eno, produttore che con gli U2 ha lavorato tanto e che è stato anche determinante per il loro successo.

The Dream Syndicate

Image: 
(Foto di Tammy Shine)
 
Fine della storia nel 1989 quando erano tra i principali esponenti di quella scena che mirava a riscoprire e a rileggere il sound psichedelico californiano e che era meglio conosciuta col nome di Paisley Underground.
Poi la reunion a partire dal 2012, ma soltanto per i live e in occasione dei trent’anni dall’uscita del loro storico album The Days Of Wine And Roses.

Jonathan Wilson

Image: 
(Foto di Louis Rodiger)
 
Un quarto album solista che rappresenta (quasi) un ritorno alle origini per Jonathan Wilson.
Nato nel North Carolina e trasferitosi all’età di 15 anni a Los Angeles, diventa il musicista e il produttore che conosciamo. Trascorre inoltre il 2018 con Roger Waters nel tour US + THEM, in qualità di direttore musicale, ma anche come chitarrista e cantante “sostituendosi” a David Gilmour.

Paolo Benvegnù

Image: 
Senza compromessi, se necessario duro, sicuramente poetico.
Si riassume così a primo impatto Dell’odio dell’innocenza, nuovo album di Paolo Benvegnù, caratterizzato da arrangiamenti meno sofisticati rispetto ai precedenti del cantautore e in cui sono le trame melodiche e i testi più diretti ed essenziali a fungere da protagonisti principali.

Ozzy Osbourne

Image: 
Nessuno accosterebbe la definizione di “uomo ordinario” ad Ozzy Osbourne. Forse solo Ozzy Osbourne stesso per descriversi con immancabile autoironia.
 

Pagine

Subscribe to Recensione