Under African Skies – Paul Simon scopre la musica del Sudafrica e nasce "Graceland"

Nel 1984 Paul Simon scopre la musica del Sudafrica. Affascinato dai nuovi suoni e da quei ritmi sincopati s’imbarca in un progetto ambizioso e due anni dopo pubblica "Graceland"
Mercoledì, 24 Giugno, 2020
 
Folgorato dall'ascolto di un’audiocassetta fattagli avere da un amico, nel 1984, Paul Simon scopre la musica del Sudafrica. Affascinato dai nuovi suoni e da quei ritmi sincopati s’imbarca in un progetto ambizioso che lo riporterà sulla cresta dell’onda. L’album Graceland, il frutto di quell'idea, esce nell'agosto del 1986 e rappresenta da diversi punti di vista una svolta nella carriera di Paul Simon che da quel momento stacca definitivamente il suo nome da quello di Art Garfunkel. Fondamentale, per il progetto, sarà la collaborazione di Joseph Shabalala, leader del coro zulu Ladysmith Black Mambazo che nel disco darà vita a diversi suggestive duetti.
Shabalala ispira anche Simon nella scrittura di uno dei pezzi più poetici di Graceland. A lui è infatti dedicata Under African Skies, un acquerello sonoro di rara bellezza, che incarna alla perfezione lo spirito multiculturale di quel progetto. Nel disco, Simon duetta con Linda Ronstadt, voce sublime del panorama pop rock americano, cui dedica diversi versi della canzone.
Nel tour mondiale di Graceland, Under African Skies vede Miriam Makeba, “Mama Africa”, al fianco del songwriter newyorkese che continua oggi a riproporre quel brano nei suoi concerti con feeling e gusto afro.

 

Jam Balaya

Hold On, I'm Comin'
Quando le belle canzoni nascono in "circostanze particolari"
My Back Pages - Bob Dylan e quella celebre svolta nella sua carriera
Dicembre del 1963: il ventiduenne Bob Dylan viene insignito del Tom Payne Award, un riconoscimento dato a personalità che si sono distinte per senso libertario e impegno nella società civile, ma...
Feelin' Alright? - Dalla versione dei Traffic scritta da Dave Mason a quella di Joe Cocker
Tutto comincia nell'autunno del 1967 quando, alla vigilia della pubblicazione dell’album d’esordio, Dave Mason lascia la band che aveva fondato con Steve Winwood, i Traffic...
"Non avevo mai visto la luna nel buio del cielo notturno"
Nasce così "Moonshadow" di Cat Stevens
"Take It Easy" (come cantavano già gli Eagles e Jackson Browne)
È la primavera del 1971 e Jackson Browne sta preparando il suo album di debutto...
Warren Zevon e "I lupi mannari di Londra"
"Dopo aver visto in televisione un film degli anni ’30, Werewolves Of London (I lupi mannari di Londra), continua a dirgli che avrebbe dovuto scrivere un brano con lo stesso titolo"
Santana - "Soul Sacrifice" chiude il set infuocato di Woodstock
Ad agosto del 1969 sul palco di Woodstock sale un sestetto sconosciuto ai più, ma che a San Francisco rappresentava già un mito...
Il sogno di Elvis
Ottobre 1958: Elvis Presley, nel corso di un’intervista, racconta di non aver avuto mai l’ispirazione giusta per scrivere una canzone tranne quella volta quando, dopo essersi addormentato, ha fatto un
We Will Get By, We Will Survive
È la primavera del 1987 quando su MTV gira un video stravagante di una delle più leggendarie band del rock californiano, i Grateful Dead...
Language Is A Virus – Da William S. Burroughs a Laurie Anderson
L'aveva profetizzato William S.
Fabrizio De André secondo Beppe Gambetta
Il musicista genovese ci ha raccontato il suo primo incontro con Fabrizio De André e tutto il lavoro svolto sull'opera del grande Faber, affinché venga conosciuta e apprezzata anche all'este
Elliott Landy - Intervista ad uno dei fotografi più leggendari della storia del rock
Bob Dylan, The Band, il Festival di Woodstock del quale è stato fotografo ufficiale: sono davvero tanti i ricordi e gli aneddoti di Elliott Landy.

Pagine