15/02/2022

Il respiro del tamburo – Gigi Cavalli Cocchi e il suo nuovo libro (Ligabue, i C.S.I., i Genesis…)

Gigi Cavalli Cocchi ha presentato qualche giorno fa a Milano il suo nuovo libro “Il respiro del tamburo. Storie di successi e di mai successi”. Il batterista, disegnatore e grafico si racconta in quest’intervista

 
Il respiro del tamburo. Storie di successi e di mai successi è il nuovo libro di Gigi Cavalli Cocchi. Abbiamo incontrato il batterista qualche giorno fa al Germi di Milano, occasione in cui ha presentato il suo nuovo lavoro autobiografico, ricco di aneddoti e di immagini. E non potevamo non cominciare la nostra intervista chiedendo a Gigi delle sue fortunate collaborazioni con Ligabue e con i C.S.I.
Se da una parte la musica per lui è sempre stata di casa, dall’altra Gigi Cavalli Cocchi ha sempre abbinato all’attività di batterista anche quella di disegnatore e grafico. Sue, ad esempio, sono infatti le copertine dei primi album di Ligabue e alcune caricature delle grandi rockstar realizzate per la rivista Jam.
È senz’altro il prog il genere di musica che più ama Gigi Cavalli Cocchi, non solo perché sul finire degli anni ’90 aveva fondato i Mangala Vallis o poco più di dieci anni fa aveva realizzato un album insieme a Bernardo Lanzetti e a Cristiano Roversi in cui uno degli ospiti era stato Steve Hackett. Il prog, infatti, e in particolare i Genesis, grazie ad un loro live, hanno cambiato davvero la vita del batterista.
Al di là della fortuna è l’amore per la musica che ha guidato Gigi Cavalli Cocchi in tutti questi anni, una passione nata in un periodo in cui la musica ricopriva un ruolo fondamentale nella vita di tutti i giorni e una passione che si spera possa accompagnare anche le generazioni future:
 
 

 
 

On demand

Iscriviti alla Newsletter

Vuoi rimanere sempre aggiornato su rock e dintorni? Iscriviti alla nostra newsletter
per ricevere tutte le settimane nuovi video, contenuti esclusivi, interviste e tanto altro!